Best-seller su Kindle uguali a quelli su carta

Pubblicato: 30 dicembre 2010 in E-book, Kindle, Mercato

Altro commento, questa volta di Raffaele Cardone (rilanciare i post su gruppi “esterni” impedisce di mantenere la discussione sul blog) sul record di vendite del Kindle per Amazon:

Quello che non sappiamo ancora è “chi” compra gli ebook; non abbiamo un preciso profilo socio-economico-culturale del consumatore; inoltre i dati di vendita degli ebook (nei mercati significativi) sono spinti dalle nuove release del Kindle. La comercializzazione degli altri reader, a parte iPad, e in US il Nook, non hanno ricadute apprezzabili sul mercato degli ebook.
Amazon resta abbottonato, Apple e B&N pure. Più reader in circolazione, più ebook acquistati: è vero, ma per adesso solo in questa contingenza. Se Amazon ci dicesse quanti ebook acquistano/hanno acquistato i possessori di Kindle nel corso del tempo potremmo prendere le misure, potremmo avere un’idea della dimensione della “esplosione”, depurata dal vaporware mediatico.
Secondo me i reader in b/n e-ink, per quanto sofisticati siano e possano diventare, sono nati già morti perché non possono competere con i tablet, in nessun campo, anche nella lettura dei libri. Sono un buon business per Amazon (adesso, e grazie al fatto che Amazon è Amazon…), ma contano molto poco per le altre major come Sony o Philips.Sia come sia,al di là del giochino delle previsioni, il vero nodo per la diffusione dei contenuti digitali sono i diritti (agency/non agency) e il modello di business: il 2011 dovrebbe farci vedere meglio verso dove si indirizzano i mercati. E di che tipo di esplosione si tratta.

In effetti, Amazon per ora fa sapere soltanto che l’e-book più venduto è The Girl with the Dragon Tattoo, di Stieg Larsson, seguendo esattamente la stessa tendenza dei best seller di carta. In questi ultimi giorni, invece, è salito in testa Stupid American History. Forse non era così rilevante saperlo…

Dai primi dati di Bookrepublic viene fuori una conferma della teoria della coda lunga. Oltre ai best seller, una discreta disponibilità di titoli digitali ha indotto i primi consumatori a scorrere i cataloghi: se non ricordo male, finora è stata acquistata almeno una copia di oltre il 75% dei libri messi in vendita.

commenti
  1. Luca Conti scrive:

    Affermare che gli e-reader E-Ink siano nati morti è smentito dai fatti. Stime riprese da Bloomberg dicono che Kindle abbia venduto 8,4 milioni di pezzi, +60% sulle stime precedenti, per il 2010 contro circa 2 milioni di pezzi nel 2009. Eppure iPad è sul mercato da aprile ed è stato annunciato da marzo. Chi dice che E-Ink non vale confrontato con i tablet LCD non lo ho provato alla luce del sole in spiaggia🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...