L’Inkiesta e le dichiarazioni di principio

Pubblicato: 1 febbraio 2011 in Editoria, Giornalismo

L'Inkiesta.it

La nascita di un nuovo giornale, su carta online o per iPad,sta diventando un evento. Murdoch lo ha trasformato addirittura in uno show, invitando domani al Guggenheim Museum di New York per il lancio di The Daily. Altri, invece, hanno scelto la linea “open”. E’ il caso di L’Inkiesta.it, il web-giornale varato ieri su iniziativa di 70 professionisti: è open source per la piattaforma utilizzata (Drupal), open mind per l’approccio giornalistico e open… doors per la volontà di dichiarare tutto subito in un ottimo inizio:

Quella che vedete oggi è la versione “beta”, cioè una versione ridotta e sperimentale de L’inkiesta.it. A primavera 2011, forti dell’esperienza di questa prima fase, lanceremo la versione definitiva del sito e l’applicazione iPad. Dal punto di vista tecnologico abbiamo deciso di optare su Drupal, una piattaforma open source a cui ciascuno può dare il proprio contributo, e di dare fiducia a da due bravi informatici trentenni conosciuti, in modo casuale, a Torino in un “Drupal Camp”, uno di quei luoghi dove, dal basso, si ragiona e si lavora sul futuro dei giornali on line.

La redazione de Linkiesta.it, guidata dal trentaduenne Jacopo Tondelli è composta da 6 giornalisti assunti a tempo indeterminato, 5 collaboratori coordinati e continuativi e 2 giornalisti praticanti con contratto annuale, oltre a oltre 20 collaboratori e corrispondenti remunerati ad articolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...